COSA SONO I COM.IT.ES?

Il COM.IT.ES. è “organo di rappresentanza degli italiani all’estero nei rapporti con le rappresentanze diplomatico-consolari” (art. 1, co. 2 Legge 286/2003). Pertanto, possiede un ruolo tanto nei confronti delle collettività, di cui è espressione, tanto dell’Autorità consolare, con la quale mantiene rapporti di collaborazione e cooperazione attraverso un “regolare flusso di informazioni”, al fine di tutelare i diritti e gli interessi dei cittadini italiani residenti. Contribuisce inoltre ad individuare e promuovere le esigenze di sviluppo sociale, culturale e civile della comunità di riferimento; con particolare attenzione nei confronti delle tematiche delle pari opportunità, dell’assistenza sociale e scolastica, della formazione professionale, del settore culturale, dello sport e del tempo libero.

I COMITES sono composti da 12 membri, per le collettività fino a 100.000 cittadini italiani residenti nella circoscrizione, o da 18 membri, per le collettività composte da più di 100.000 cittadini italiani residenti.

I membri dei COMITES restano in carica cinque anni e non percepiscono remunerazione per la loro attività.

Il Comites de L’Aja, risultato delle elezioni svoltesi nell’aprile 2015, è così composto:

Ernesto Pravisano (Presidente) Luigi Barone (Vice Presidente) Antonella Ciuffoletti (Esecutivo) Paola Cimegotto Venema (Segretario) Donatella Castelli Antonio Cogoni Maria Luisa D’Agostino Angela Fekken-Prando Roberto Paletta Francesca Scolamacchia Daniela Tasca Marika Viano

CHI SIAMO

Ernesto Pravisano (Presidente)

(Udine 1974) Vive in Olanda dal 2008, Paese che ama, ma mai quanto l’Italia e il suo Friuli. Sposato e con due figli, attualmente lavora presso il dipartimento legale di una multinazionale giapponese, ove si occupa di contrattualistica internazionale e “Compliance”, da cui il confronto quotidiano con professionisti da tutta Europa, sforzandosi di offrire sempre il lato migliore della nostra Italia: l’entusiasmo delle idee, la forza della passione.  Da anni, anche qui in Olanda, legato all’Associazionismo.

Luigi Barone (Vice Presidente)

(Venezia, 1947) Vive nei Paesi Bassi dal 1969, ha lavorato a Rotterdam presso un ente italiano sulla sicurezza della navigazione, per poi continuare presso il Consolato Generale d’Italia a Rotterdam (assistenza sociale, traduttore e interprete) e dopo la chiusura presso l’Ambasciata a L’Aja, da cui si è pensionato a fine settembre 2014. Attivo nell’opera dei comitati olandesi della Dante Alighieri, ha inoltre curato negli anni ottanta la redazione del giornale per italiani emigrati La Strada, a copertura territoriale.

Antonella Ciuffoletti (Esecutivo)

(Casarano, 1968) Risiede nei Paesi Bassi dal 1993. Dal 2002 è direttore del Patronato ACLI di Utrecht. Nominata corrispondente consolare nel 2006. Da sempre impegnata nelle attività sociali dell’associazione ACLI/COI. Si sente profondamente portata alla tutela e alla difesa dei diritti dei connazionali.

Paola Cimegotto Venema

(Venezia, 1966) Ha studiato diritto a Trento e Madrid. Vive in Olanda dal 2007, è avvocato in Italia, Spagna e Paesi Bassi. Si occupa di servizi giuridici per grandi imprese internazionali. Da sempre attiva nel volontariato.

Donatella Castelli

(Bologna, 1963) Vive in Olanda dal 2007. Ha lavorato nelle multinazionali della consulenza ad Amsterdam, viaggiando frequentemente in Europa, Asia ed America.  Si interessa di tematiche legate allo sport (come insegnante di arti marziali) ed alla difesa dei prodotti italiani (in veste di sommelier diplomata). È attiva nella comunità italiana di Utrecht.

Antonio Cogoni

(Domusnovas, 1944) Vive nei Paesi Bassi dal 1966, ad Amsterdam. Ex dipendente della IBM Nederland, dal 2000 attivo nel volontariato per i connazionali anziani, soprattutto della prima generazione, visitandoli a domicilio e nei centri di assistenza; attivo inoltre, sempre come volontariato, nel CABO (Centrum Advies en Begeleiding Ouderen) di Amsterdam, e nel centro per anziani De Klinker di Amsterdam West. Fa parte del direttivo del LIZE come rappresentante degli Europei meridionali. Membro dell’attuale COMITES, è promotore sociale delle ACLI.

Maria Luisa D’Agostino

(Napoli, 1959) Dopo 5 anni di permanenza in Gran Bretagna, si è trasferita in Olanda nel 1988. Ha lavorato per varie aziende olandesi, inclusi  diversi progetti sulle minoranze etniche per il sindacato FNV. Come ultimo lavoro era reintegratie consulent. Laureata in sociologia con una tesi sull’emigrazione degli italiani in Olanda.

Angela Fekken-Prando

(Trento, 1967) Arrivata in Olanda nel 1989 ha terminato gli Studi di Sociologia presso la KUN (ora Radboud Universiteit). Vive ad Utrecht e lavora come consulente ICT-accessibilità  nel settore assistenziale. Dal 2000 frequenta il COI (Comunitá Organizzata Italiana di Utrecht) e partecipa alla piattaforma LiZe (Kennis en Informatiecentrum Europese migranten). In collaborazione con LiZe, Acli e NOOM (Netwerk van Organisaties van Oudere Migranten) ha presentato nel 2013 la Campagna Nazionale contro il Maltrattamento degli Anziani all’interno delle organizzazioni Italiane in Olanda. Dal maggio 2014 è stata nominata persona di fiducia all’interno di un’associazione sportiva della città. Nel tempo libero dà una mano a scuola, in parrocchia e nelle attività del quartiere in cui vive.

Roberto Paletta

(Cirò, 1973) Laureato  in Economia Aziendale, In Italia ha svolto attività imprenditoriale e di consulenza. In Olanda dal 2007, lavora nel dipartimento logistica di azienda multinazionale. Attivo nell’ associazione ACLI da 25 anni. Presidente dell’associazione COI-ACLI di Utrecht, uno dei pochi centri italiani all’estero, organizzato da Italiani di seconda generazione. In Olanda è editore, autore e speaker della web radio RadioPizza, progetto di comunicazione attivo in 6 paesi Europei.

Francesca Scolamacchia

(Bari, 1976) Medico veterinario, ha lavorato in Italia e Scozia in ambito accademico e nel servizio sanitario nazionale. Approda in Olanda nel 2009, dove ha lavorato presso la Facoltà di Medicina Veterinaria (Università di Utrecht) ed il Centraal Veterinair Instituut (Università di Wageningen) occupandosi della sorveglianza e il controllo di malattie infettive e attualmente quale epidemiologo veterinario presso il Gezondheidsdienst voor Dieren di Deventer.

Daniela Tasca

(Palermo, 1966) Vive ad Amsterdam dal 1989. Arrivata come studentessa Erasmus ha poi lavorato al progetto del vocabolario italiano-olandese Zanichelli- Vandale, ha insegnato italiano, per poi passare al giornalismo e al documentario. Dal 2010 è anche coordinatore artistico del progetto 1001 Italianen, sulla storia degli italiani in Olanda. Per anni ha collaborato con il gruppo teatrale Quelli di Astaroth e a Radio Onda Italiana, la prima radio (anche) in lingua italiana nei Paesi Bassi, dopo l’esperienza delle redazioni multiculturali dei primi anni 80.

Marika Viano

(Genova, 1964) Arrivata in Olanda come studentessa, la sua è stata la prima tesi svolta con il Progetto Erasmus all’Università di Bologna nel 1989. Si stabilisce definitivamente qui dal 1992, impegnandosi  a tutto tondo nel volontariato dell’emigrazione e dando vita alla Fondazione Madonna Filippa, che difende i diritti delle donne italiane in Olanda. È qualificata come traduttrice e interprete (giurata), trainer, docente e giornalista. Ha ampia esperienza nel mondo dei media, dell’imprenditoria, della giurisprudenza e dell’insegnamento, con particolare specializzazione nelle problematiche interculturali.